iForexFacile

Il portale dedicato a chi non si limita a SAPERE ma tende a CAPIRE…

   

Benvenuti nell’orgia del DEBITO dell’Eurozona

Tag icon

Published under Banche, Economia e dintorni, I.P. (Important Post), ITALIA, un paese solo a metà

Clock icon

24 Ottobre 2012

Comments icon

No comments

Direttamente dall’Eurostat ecco l’ultimo documento che attesta che la luce di cui parla Monti alla fine del tunnel è ancora molto lontata….

Secondo trimestre 2012 rispetto al primo trimestre 2012:

Il debito pubblico della area Euro sale al 90,0% del PIL e nell’ UE27 il debito sale fino al 84,9 % .

Alla fine del secondo trimestre del 2012, il rapporto debito pubblico-PIL nell’area Euro (EU17) era pari al 90,0 %, rispetto al 88,2% della fine del primo trimestre del 2012.

Nella UE27 invece il rapporto è passato dal 83,5% del primo trimestre al 84,9% del secondo trimestre 2012.

Quindi rispetto al secondo trimestre del 2011, il debito pubblico in rapporto al PIL  è aumentato nell’area Euro dal 87,1% al 90,0% ; e nella UE27 è passato dal 81,4% al 84,9% (Dati EUROSTAT).

Alla fine del secondo trimestre del 2012, titoli diversi dalle azioni rappresentavano il 78.6% dell’area euro (EU17) e 80,1% del debito pubblico generale UE27.

I prestiti salgono al 18,6% nell’area euro e al 16,1% del debito complessivo del UE27.

Monete e depositi rappresentano il 2,8% della zona euro e il 3,7% del debito pubblico UE27.

A causa del coinvolgimento dei governi dell’Unione europea di assistenza finanziaria di alcuni Stati membri e al fine di ottenere un quadro più completo dell’evoluzione del debito pubblico, sono pubblicati anche dati trimestrali sui prestiti intergovernativi (IGL). La quota di IGL del PIL alla fine del secondo trimestre del 2012 ammonta a 1,6% per l’area dell’euro e all’1,2% per l’UE-27.

Il debito pubblico alla fine del secondo trimestre 2012 da parte dello Stato membro

I rapporti più elevati del debito PIL alla fine del secondo trimestre del 2012 sono stati registrati in Greece(150.3%), Italia (% 126,1), Portogallo (117,5%) e Irlanda (111,5%) e il più basso in Estonia (7,3%), Bulgaria(16.5%) e Lussemburgo (20,9%).

Rispetto al primo trimestre del 2012, 20 Stati membri hanno registrato un aumento nel loro rapporto debito-PIL alla fine del secondo trimestre del 2012, 6 una diminuzione ed 1 è rimasto stabile.

Gli aumenti più alti nel rapporto sono stati registrati in Grecia (13,4 punti percentuali – pp), Cipro (8.3 pp) e Portogallo (5.6 pp) e la più grande diminuizione in Lituania (-2.3 pp), Lettonia e Ungheria (entrambi -1,3 pp).

Rispetto al secondo trimestre del 2011, 23 stati hanno registrato un aumento nel loro rapporto PIL-debito alla fine del secondo trimestre del 2012; e 4 una diminuzione.

Gli aumenti più alti nel rapporto sono stati registrati a Cipro (16,5 pp), Portogallo (10,8 pp), Irlanda (10.0 pp) e Spagna (9.3 pp) e il decremento più grande in Grecia    (-8.5 pp) e Lettonia (-1.5 pp).

Dati Eurostat.

NOTE:

EU17: Belgio, Germania, Estonia, Irlanda, Grecia, Spagna, Francia, Italia, Cipro, Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi, Austria, Portogallo, Slovenia, Slovacchia e Finlandia.

EU27: Belgio (BE), Bulgaria (BG), la Repubblica Ceca (CZ), Danimarca (DK), Germania (DE), Estonia (EE), Irlanda (IE), Grecia (EL), Spagna (ES), Francia (FR), Italia (IT), Cipro (CY), Lettonia (LV), Lituania (LT), Lussemburgo (LU), Ungheria (HU), Malta (MT), Paesi Bassi (NL), Austria (AT), Polonia (PL), Portogallo (PT), Romania (RO), Slovenia (SI), Slovacchia (SK), Finlandia (FI), Svezia (SE) e Regno Unito (UK).




Qualora l'articolo fosse di tuo gradimento, ti invitiamo a sostenerci mediante una piccola donazione cliccando l'apposito bottone in alto a destra nella pagina o sul banner sottostante.






    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

    Captcha *

Bottom border