iForexFacile

Il portale dedicato a chi non si limita a SAPERE ma tende a CAPIRE…

   

I canali di trasmissione di politica monetaria e le aspettative

Tag icon

Published under Banche, Economia e dintorni

Clock icon

07 Novembre 2012

Comments icon

No comments

Dopo un’attenta analisi svolta nel primo e del secondo pilastro della strategia, la Banca Centrale Europea deciderà se intervenire o meno nel caso l’attuale situazione comporti o non comporti pericoli per il livello dell’inflazione nel medio periodo. Nel caso in cui essa decida di agire, il processo che condurrà agli effetti desiderati sull’economia verrà innescato attraverso una variazione dei tassi ufficiali, cioè quelli applicati dalla Banca Centrale stessa sulle operazioni di rifinanziamento principali e sulle standing facilities (le operazioni di rifinanziamento marginale e i depositi overnight).

Dato che il sistema bancario europeo domanda moneta alla BCE per supplire alla richiesta dei propri clienti, o per far fronte alla riserva obbligatoria presso la stessa Banca Centrale o per sopperire alle necessità interbancarie, e dal momento che la BCE ha il monopolio nella creazione di Base Monetaria, quest’ultima può, attraverso le sue scelte, influenzare il mercato monetario e quello creditizio.

La modifica delle condizioni su questi ultimi due mercati crea una variazione delle possibilità di finanziamento e investimento (inteso sia come acquisto di beni durevoli, che come acquisizione di attività finanziarie) di consumatori e imprese. Viene così influenzato da una parte il prezzo di titoli e azioni e dall’altra il livello della domanda interna di beni e servizi.

 

Prima di passare ad analizzare più nello specifico i vari passaggi attraverso cui si procede dalla variazione dei tassi ufficiali al controllo del livello dell’inflazione, è opportuno soffermarsi su un fattore che gioca un ruolo altrettanto importante nel meccanismo di trasmissione: le aspettative.

Queste sono molto importanti perché agiscono su tutti gli agenti economici: le famiglie decidono il livello di spesa e risparmio (determinando l’ammontare di spesa futuro) e le imprese quello degli investimenti (determinando la loro capacità produttiva futura). Viene così influenzato da una parte il prezzo di titoli e azioni e dall’altra il livello della domanda interna di beni e servizi.

Tuttavia, prima di analizzare a fondo i canali di trasmissione, è importante fare una precisazione inerente il modo in cui si modifica la realtà: le decisioni di politica monetaria saranno anticipate, e non seguite, dalle variazioni delle condizioni del mercato finanziario, soprattutto quando queste sono ampiamente previste. In particolare, come si evince dalla Figura sotto, i tassi di mercato iniziano a portarsi su nuovi livelli alcuni giorni prima della data di modificazione del tasso di interesse di riferimento, infatti l’Euribor a tre mesi, dodici mesi e un mese aumentano ancor prima della modifica del tasso di riferimento (REPO).

 

Have a nice day, see you soon!

Salvatore Carrivale

 




Qualora l'articolo fosse di tuo gradimento, ti invitiamo a sostenerci mediante una piccola donazione cliccando l'apposito bottone in alto a destra nella pagina o sul banner sottostante.






    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Bottom border