iForexFacile

Il portale dedicato a chi non si limita a SAPERE ma tende a CAPIRE…

   

Cosa sono le agenzie di rating e da chi sono composte?

Tag icon

Published under Armi del Trader, Economia e dintorni, I.P. (Important Post)

Clock icon

10 dicembre 2012

Comments icon

No comments

Le agenzie di rating sono compagnie private totalmente dissociate dallo stato in cui hanno sede.

Sono dei colossi con migliaia di dipendenti e di fatturato, i “padroni dell’universo” come spesso vengono definite le tre compagnie MOODY’S – STANDARD & POOR’S – FITCH RATINGS, che controllano il 95% del mercato del rating hanno dipendenti e fatturato rispettivamente per:

  • 11.000 dipendenti – 2,03 miliardi di dollari di fatturato
  • 10.000 dipendenti – 2,6 miliardi di dollari di fatturato
  • 2.000 dipendenti – 657,2 milioni di dollari di fatturato

Da chi sono costituite queste agenzie?

Partendo dalla più piccola per modo di dire, FITCH ha due azionisti di peso come il gruppo francese Fimalac e il gruppo editoriale Hearst.

Passiamo a MOODY’S che controlla il 50,96% del mercato, avente soci del calibro di Berkshire Hathaway presieduta proprio da Warren Buffett (enorme società finanziaria con quote di controllo nelle più importanti società del mondo) con un peso azionario del 19,1% ; poi troviamo Capital World Investors con il 10,3%, questa società è il più grande fondo di risparmio USA, avente 7.000 mila dipendenti e un fatturato di 1.000 miliardi di dollari all’anno; Capital Research Global Investors, anche questa con il 10,3% e infine troviamo Fidelity Management e Research con il 9,61% di peso azionario.

Finiamo con la più grande delle tre società di rating, STANDARD & POOR’S che controlla il 77,39% del mercato, fa parte del gruppo editoriale americano McGraw-Hill che ha come azionisti: (anche qui) Capital World Investors per il 7,69% ;  T. Rowe Price Associates (la più grande società d’investimento del mondo, gestisce 3,3 miliardi di dollari) con il 6,67%  e (anche qui) Fidelity Management e Research, una multinazionale americana di gestione di assets e portafogli finanziari con 38.000 dipendenti.

Quando si sono formate e come sono strutturate?

Nascono nel 1909 quando John Mondy inizia a vendere “The Manual of Railroad Securties”, per analizzare I titoli di 200 ferrovie negli Stati Uniti.

Fitch viene fondata nel 1913, mentre Poor’s e Standard and Co. Iniziano la loro attività nel 1916; nel 1941 Poor’s e Standard and Co. Si fondono dando vita all’attuale Standard and Poor’s.

Prima del 1970 si finanziavano vendendo agli abbonati (tipo rivista) i rapporti con le loro analisi.

Dal 1970 le banche e le aziende che devono essere giudicate pagano una commissione alle agenzie di rating che emettono un giudizio su di loro. Ciò come è facile intuire genere un forte conflitto di interessi.

A questo si deve sommare che la SEC (Security Exchange Commission) sancisce che Mondy’s, S&P e Fitch sono le uniche agenzie autorizzate ad esprimere giudizi su compagnie e Stati. Questo sancisce la nascita di un oligopolio.

NOTA: nel settore privato (banche, assicurazioni, compagnie) sono gli stessi giudicati a pagare colui che giudica, nel settore pubblico (stati, regioni, province, etc..) coloro che giudicano non si fanno pagare nulla, lo fanno per pura pubblicità.

Utilità di queste agenzie…

Esse altro non fanno che informare il compratore o venditore di un titolo sullo stato di salute del titolo stesso. Tentano di riempire un vuoto informativo tra le due controparti dell’operazione.

I loro “giudizi” fungono da bussola per gli investitori segnalando la probabilità che compagnie e stati hanno di ripagare il proprio debito; questi giudizi seguono una scala alfabetica che va dalla tripla A (AAA) che delinea la massima sicurezza dell’emittente di debito, alla lettere D (i titoli di emittenti con lettera D vengono in genere definiti Junk).

Critiche:

Le principali critiche sono tutte rivolte al loro smisurato potere in quanto comandano il 95% del mercato e di fatto costituiscono un oligopolio; sul fatto che sono regolate come semplice giornale in quanto secondo la costituzione americana sono opinion makers, e in realtà dovrebbero essere regolate secondo un attore finanziario vero e proprio in quanto è indiscutibile il fatto che “muovono i mercati a loro convenienza”.

Per non parlare del fatto che vengono pagate da coloro che devono giudicare, il che la dice lunga…

Anche la loro indipendenza è messa in seria discussione visto  che grandi banche e fondi sovrani detengono quote rilevanti di tali agenzie, con conseguente possibilità di avere accesso a informazioni privilegiate.

Anche la loro competenza è stata seriamente messa in discussione, dopo che la stessa SEC ha riconosciuto evidenti responsabilità da parte di queste agenzie nel giudicare quegli stessi complessi prodotti finanziari che sono stati alla base della crisi finanziaria del 2007-2008.

La stessa SEC riconosce che sono poco trasparenti i criteri con cui vengono attribuiti i rating, invitando tali compagnie (soprattutto dopo la crisi finanziaria) a utilizzare regole e procedure più documentabili.

Inutile citare il rischio connesso alla “gestione” di queste società di rating inerente all’inside trading e abuso di informazioni privilegiate.

Si ringrazia per il materiale: quattrogatti.info – la stampa – il sole24 ore.




Qualora l'articolo fosse di tuo gradimento, ti invitiamo a sostenerci mediante una piccola donazione cliccando l'apposito bottone in alto a destra nella pagina o sul banner sottostante.






    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

    Captcha *

Bottom border