iForexFacile

Il portale dedicato a chi non si limita a SAPERE ma tende a CAPIRE…

   

I derivati (seconda lezione): contratti a termine, i forwards

Tag icon

Published under Derivati, Economia e dintorni

Clock icon

08 Ottobre 2012

Comments icon

No comments

CONTRATTI A TERMINE ( forwards )

In questo tipo di contratti non standardizzati, e negoziati quindi in mercati OTC, si hanno due controparti (acquirente e venditore), che si impegnano a scambiarsi, a scadenza e prezzo prefissato, uno specifico bene.

OPERATIVITA’:

Posizione lunga: un soggetto si accorda con una controparte per acquistare un’attività ad una certa data futura, ad un determinato prezzo.

Posizione corta: un soggetto si accorda con un controparte per vendere un’attività ad una certa data futura, ad un certo prezzo.

CARATTERISTICHE:

Ricapitolando, chi sottoscrive un contratto di tipo forwards si impegna ad acquistare o vendere l’attività sottostante del contratto stesso, ad una data e prezzo futuri fissati nel contratto.

Si chiamano contratti a termine, perché prevedono che lo scambio dell’attività sottostante contro il prezzo prefissato al momento della stipula, avvenga ad una data futura prestabilita. Questo implica anche che al momento della stipula il contratto non abbia nessun costo per le parti.

Questa è la differenza principale tra i forwards rispetto ai contratti a pronti, che sono accordi per vendere o comprare una determinata attività oggi.

Facciamo un esempio:

  • Un soggetto assume una posizione lunga in un forward, quando si impegna ad acquistare un’attività ad una certa data futura (T), per un determinato prezzo (prezzo di consegna) .

Il valore finale è dato dalla seguente differenza:

(PREZZO DI CONSEGNA) – (PREZZO DELL’ATTIVITA’ SOTTOSTANTE AL TEMPO T)

Se questa differenza è positiva, il soggetto che ha assunto una posizione lunga consegue un profitto.

  • Un soggetto assume una posizione corta in un forward, quando si impegna ad vendere un’attività ad una certa data futura (T), per un determinato prezzo (prezzo di consegna).

Il valore finale è dato dalla seguente differenza:

(PREZZO DELL’ATTIVITA’ SOTTOSTANTE AL TEMPO T) – (PREZZO DI CONSEGNA)

Se questa differenza è positiva, il soggetto che ha assunto una posizione corta consegue un profitto.




Qualora l'articolo fosse di tuo gradimento, ti invitiamo a sostenerci mediante una piccola donazione cliccando l'apposito bottone in alto a destra nella pagina o sul banner sottostante.






    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Bottom border